6 consigli per scegliere il nome di un sito

Una miniguida per scegliere il nome di un sito web.
by

La scelta di un nome dominio può influenzare positivamente o negativamente la visibilità e la resa di un sito web.
Si tratta quindi di un fattore importante in una strategia di web marketing.

Come web agency  uno dei nostri compiti è proprio quello di aiutare il cliente nella scelta  del nome dominio. Abbiamo quindi deciso di scrivere questa piccola guida con alcuni semplici e fondamentali consigli che possono essere senz’altro un valido aiuto per chiarirsi qualche dubbio.

Indice

Cos’é un nome dominio

Un nome dominio è una stringa di testo che permette di raggiungere i contenuti ospitati su di un server.
Un nome dominio normalmente si compone di 2 parti fondamentali:

Nome dominio ed estensione di un indirizzo sito web.

  • Nome dominio: chiamato anche dominio di secondo livello, rappresenta il nome dominio vero e proprio.
    A patto di rispettare alcune caratteristiche nella lunghezza e nei caratteri, praticamente non ci sono limiti nella scelta di quello che si può scrivere; non fa differenza tra minuscole e maiuscole;
  • estensione: tecnicamente indicata come “primo livello”.
    È importante perché identifica l’attività principale promossa dal sito web, come vedremo più avanti. Esistono diverse estensioni, ciascuna gestita da una Authority specifica.

Esiste anche la possibilità di registrare domini di terzo livello ma non ne parleremo in questa discussione.

Parleremo invece di come scegliere il nome dominio e l’estensione più appropriati per promuovere la vostra attività sul web.

Come deve essere un nome dominio?

Breve e semplice

Uno dei criteri più validi nella scelta di un nome dominio è la brevità e semplicità.
È quasi sempre meglio preferire i nomi:

  • Brevi;
  • Semplici;
  • facili da scrivere e da pronunciare;

I nomi lunghi infatti non possono essere scritti nei banner, sui cartelloni pubblicitari e sugli annunci a pagamento. Inoltre, sono più soggetti a errori ortografici e di comprensione. Invece i nomi brevi sono semplici da comunicare a voce, facili da ricordare e sono stampabili su praticamente tutti i mezzi di comunicazione offline.

Indimenticabile

Per “indimenticabile” intendiamo un nome che rimanga impresso nella mente di chi lo legge.

Uno dei modi più semplici ed efficaci può essere quella di nome dominio “curioso”, che contenga le parole chiave (una, al massimo due) combinate con altre parole per dare luogo ad un termine nuovo. Il web è ricco di esempi di questo tipo: Autoscout24 (auto+scout+24), Ebay (e+buy) ecc.
Gli accostamenti che funzionano meglio sono quelli che comunicano la parola chiave insieme a messaggi efficaci: ad esempio autoscout24 fa comprendere che il servizio è rivolto alle auto (parola chiave), che è un servizio di ricerca (scout) e 24 è sinonimo di affidabilità e garanzia del servizio.

Inconfondibile

È importante scegliere un nome dominio che non sia confondibile con altri, soprattutto con quelli dei competitors.
A questo proposito vengono spesso commessi due errori:

  • registrare lo stesso nome dominio di un concorrente, ma con estensione diversa (.it, .com);
  • invertire l’ordine delle parole per differenziarsi dal competitor (es. venditaocchiali.com viene trasformato in occhialivendita.com);

In genere sono due scelte da evitare: è molto facile infatti che i siti vengano confusi e che chi sta cercando voi finisca sul sito del vostro concorrente.

Rispecchia il nome della vostra attività e il core business

Se possibile, registrare il nome dominio con lo stesso nome della vostra attività. Questo è tanto più rilevante quanto più la vostra attività si basa sulla promozione del marchio o del brand.
Molti utenti infatti, di fronte a un brand “famoso”, lo digitano direttamente nella barra degli indirizzi senza conoscere a priori l’indirizzo esatto. Essere trovati subito senza una ricerca agli occhi degli utenti spesso è sinonimo di una azienda importante e di qualità.

Riflette il mercato aziendale di riferimento

Prima di scegliere il nome dominio per la propria azienda, è bene chiedersi quale tipo di attività si vuole proporre attraverso il web.

  • Vogliamo vendere qualcosa?
  • Vogliamo fornire informazioni?
  • In quale area geografica si colloca il nostro business principale?

Le risposte a queste domande sono significative per scegliere correttamente il nome dominio.

Ad esempio, la scelta di un dominio territoriale (.ch, .it, .de, .ru) è appropriata se l’estensione territoriale corrisponde all’area geografica di interesse; in questo caso i contenuti del sito dovranno essere preparati in quella lingua. È sbagliato, invece, registrare un dominio con un’estensione territoriale specifica e pubblicare i contenuti principali in una lingua diversa.

Bisogna prestare una certa attenzione anche alle estensioni dominio non territoriali, quali ad esempio .com, .org, .info eccetera. Non sono tutte la stessa cosa: ciascuna denota un tipo particolare di attività svolta.
Ad esempio:

  • .com è adatta per le attività commerciali;
  • .org e .net rappresentano le comunità internet;
  • .edu è più specifico per chi svolge attività informative;

In generale, si può affermare che la scelta più felice per il sito web di una azienda che opera in un territorio specifico è l’estensione territoriale (quindi, ad esempio, .ch se si prevede di lavorare prevalentemente in Svizzera).

Invece per aziende che operano a livello internazionale, la scelta migliore in genere è sempre l’estensione .com.

Evitare estensioni dominio associate allo spam

In base ad alcune ricerche, sembra che i domini più utilizzati per azioni di spam siano, nell’ordine:

  • .info (68%)
  • .biz (53%)
  • .net (12%)

È consigliabile quindi evitare di appoggiare il proprio dominio su una di queste estensioni, per evitare di subire penalizzazioni.
Una di queste ricerche è visionabile a questo indirizzo.

Conclusioni

Per concludere, vogliamo porre ancora una volta in risalto l’importanza dell’efficacia di un nome dominio, che è direttamente proporzionale alla brevità, alla densità di significato, e all’attinenza con la realtà aziendale e con l’attività svolta.

Per quanto riguarda le estensioni dominio, nel caso di attività commerciali suggeriamo di preferire sempre l’estensione .com e quella territoriale di riferimento.

Inoltre, suggeriamo sempre di registrare lo stesso dominio con più estensioni, per evitare l’appropriazione di fette di mercato da parte dei vostri competitors.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *