La teoria della lunga coda

La lunga coda: posizionamento su termini di ricerca lunghi che intercettano nicchie di mercato.
by
Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

La “lunga coda” non è solo quella del traffico! Nel Web si tratta di una interessante strategia SEO per intercettare clienti di nicchia con un alto interesse all’acquisto… insomma, i cosiddetti “pochi ma buoni“!

Nel precedente articolo abbiamo dato alcuni consigli su come individuare le parole chiave.

Riassumiamo qui ora i punti essenziali:

  • data collect – ricerchiamo le parole chiave utilizzate dai nostri concorrenti e selezioniamo quelle più adatte per il nostro tipo di audience;
  • elaborazione informazioni – sessione di brainstorming per rielaborare il materiale individuato, trovare tutte le parole chiave, le combinazioni e le frasi che gli utenti potrebbero scrivere per trovarci;
  • analisi statistica – se il sito è già avviato, prendere in considerazione tutti i dati statistici disponibili.

A questo punto dovreste avere una buona collezione di frasi e parole chiave.

Una strategia SEO fa uso di parole chiave suddivise seguendo 3 tipologie principali: le parole chiavi generiche, quelle specifiche e le Long Tail.

Ciascuna tipologia risponde a caratteristiche precise. Vediamo quali:

  • generiche (Short Tail Keywords) – sono parole chiave singole o frasi brevi.
    Hanno un basso tasso di conversione e offrono un traffico discreto;
  • specifiche – sono frasi corte e settoriali, tipicamente focalizzate al target dell’attività.
    Portano traffico ridotto ma di qualità, perchè vanno a intercettare clienti con esigenze abbastanza specifiche;
  • frasi lunghe (Long Tail Keywords) – sono frasi mirate, che permettono di interagire direttamente con nicchie di mercato specifiche.
    Portano traffico ridotto ma specifico per un determinato target e per richieste molto specifiche.

Facciamo un esempio: nel nostro caso, una parola chiave generica potrebbe essere “siti web“.
Una frase specifica potrebbe essere invece “siti web ticino“.
Infine, una long tail potrebbe essere, ad esempio, “realizzazione siti web ticino” oppure “quanto costa realizzare un sito web in ticino“.

 

Se mettiamo queste tre tipologie in un grafico capiamo perché le frasi lunghe vengono chiamate “long tail” : perché vanno a occupare la “coda” della curva.

Grafico di esempio delle tipologie di parole chiave in base alla competitività e al numero di ricerche.

La teoria della lunga coda

La teoria della lunga coda, introdotta da Chris Anderson nel 2004, afferma che le ricerche in Internet, in assenza di uno specifico limite di offerta, tendono a essere infinitamente lunghe.

Questo significa che la “lunga coda” non si estingue in un numero limitato di richieste, ma si compone di una quantità pressochè illimitata di frasi complesse.
Ciascuna di queste frasi corrisponde a una nicchia di interesse specifica, quindi con un basso numero di ricerche ma con una alta percentuale di conversione.

La sensazionalità della cosa consiste nel fatto che ricerche poco comuni e poco popolari possono produrre, se presi in maniera collettiva, un numero più elevato di conversioni rispetto a ricerche con maggiore popolarità.

Quindi le keywords della lunga coda prese complessivamente possono fruttare un numero di accessi molto importante.

È importante tenere presente anche che, stando alle analisi di Google, tipicamente ogni mese il 15% delle ricerche sono assolutamente nuove: ciò significa che gli utenti utilizzano combinazioni di keywords non adoperate dalla maggior parte dei siti web.

Per concludere

Ecco quindi rivelata l’importanza della teoria della lunga coda applicata all’ambito della ricerca delle keyword:
Utilizzare frasi complesse, elaborate, diverse tra loro, e disponibili in quantità praticamente illimitata per intercettare nicchie di clienti fortemente interessati al prodotto o al servizio che stiamo proponendo.

Esiste un servizio online che permette di individuare le Long Tail Keyword. Si tratta di Hit Tail (http://www2.hittail.com).
Dopo essersi registrati il servizio fornisce uno script da inserire all’interno delle nostre pagine web.
Fatto ciò, il servizio inizierà a raccogliere dati e ci fornirà importanti informazioni sulle keywords utilizzate per accedere al sito, e su quelle che potrebbero essere più interessanti per gli utenti.

Vi ricordiamo che siamo sempre a vostra disposizione per aiutarvi a migliorare la visibilità e la comunicazione delle vostre pagine web, e attirare quindi più clienti fortemente interessati ai servizi da voi offerti.
Contattateci per maggiori informazioni.
Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *